post debora

Omicidio Debora Pagano, l’ultimo post sui social e i precedenti del marito

Catania, l'ultimo post di Debora Pagano sui social insieme al marito e i precedenti penali dell'uomo

Gli agenti non credono affatto alla versione dei fatti raccontata dal marito di Debora Pagano, la 32enne trovata senza vita nel bagno della casa. L’uomo ha detto che non è stato lui ad ucciderla, ma ha ammesso di aver atteso due giorni prima di chiedere aiuto, perché sconvolto.

post debora

La mamma della donna, che teneva la sua bambina di 7 anni, quando ha saputo ciò che è successo, ha avuto un malore. Ora infatti si trova ricoverata in ospedale.

Debora Pagano in realtà è morta nella serata di venerdì 8 luglio, nella sua abitazione a Macchia di Giarre, in provincia di Catania. Il marito però, già noto alle forze dell’ordine, ha aspettato due giorni prima di chiedere aiuto.

Gli agenti hanno arrestato Leonardo Fresta e ora è accusato di omicidio. Da un primo esame sul corpo della donna, non risultano esserci segni di violenza.

post debora

Il marito agli agenti ha raccontato che la moglie nella serata di venerdì era entrata in bagno per fare la doccia. Ad un certo punto è crollata a terra e lui non riusciva a capire cosa fosse successo. Infatti sotto shock, non è riuscito a chiedere aiuto.

I vicini dicono che i due erano una coppia abbastanza tranquilla. Lui lavorava in un panificio, mentre lei faceva le pulizie.

I precedenti penali del marito di Debora Pagano e l’ultimo post sui social

Anche i profili social della coppia erano pieni dei loro momenti di vita quotidiana. L’ultima foto dei due risale allo scorso 17 giugno, proprio in occasione del compleanno di Leonardo Fresta.

Marito e moglie erano abbracciati e davanti a loro una torta. Sulla quale c’era scritto: “Buon compleanno Famigglia!”

post debora

L’uomo ha anche dei precedenti penali. Nel 2016 è stato arrestato durante il blitz Kallipolis, che riguardava proprio i nuovi assetti mafiosi dopo la morte di un noto boss. Due anni fa è stato condannato a 10 anni, ma in attesa del processo di appello era libero.