Ora solare 2019 quando cambia e cosa sapere

Ora solare 2019 quando cambia e cosa sapere in particolare sulle conseguenze sulla salute e sulla proposta di abolizione

Home > Attualità > Ora solare 2019 quando cambia e cosa sapere

Ora solare 2019, lo sapete che cambia la notte tra il 26 e il 27 ottobre? Dall’ora legale si passa all’ora solare: le lancette tornano indietro di un’ora. Ma sarà l’ultima volta che cambieremo l’orologio? La proposta di abolire l’ora legale in Europa, che fine ha fatto?

Ora solare 2019

Nella notte tra sabato 26 e domenica 27 ottobre 2019 dovremo spostare alle tre del mattino le lancette degli orologi di un’ora indietro: computer e smartphone di solito fanno tutto da soli, a meno che non abbiate disabilitato l’opzione, mentre per tutti gli altri orologi dovrete pensarci voi.

Conseguenze del cambio dell’ora

Cosa succede con il cambio dell’ora e il passaggio dall’ora legale a quella solare? Le giornate saranno più brevi, avremo meno luce al pomeriggio e più luce al mattino. Tanti i problemi per la salute. Ci sono molte persone che nei primi giorni del cambio dell’ora hanno problemi di insonnia e anche sbalzi d’umore, che però si risolvono nel giro di pochissimo.

Ora solare 2019

Perché si cambia l’ora?

È dal 1966 che è stata introdotta l’ora legale, per poter godere nei mesi estivi di un’ora di luce in più al giorno e un risparmio dello 0,2% sul consumo di energia elettrica. Con l’ora legale tutto l’anno le albe sarebbero più buie e avremo meno luce al mattino, ma ci potrebbe sembrare di avere giornate più lunghe con più ore di luce al pomeriggio. Che non sarebbe male per molti italiani, anche se molti altri sono stanchi di dover cambiare ogni sei mesi l’orologio.

Abolizione dell’ora legale

Il Parlamento Europeo ha deciso di abolire l’ora legale. Dal 2021 gli stati membri dovranno decidere se rimanere solo con l’ora solare oppure passare a quella legale. In Italia ancora non è stato deciso nulla. Quello che è certo è che un passaggio all’ora solare 12 mesi l’anno potrebbe favorire i paesi del nord, che non risentono dei cambiamenti, ma sfavorire i paesi del sud, che invece guadagnano molto dal cambio dell’ora e dall’avere più luce durante il giorno nei mesi estivi. Anche in termini di risparmio energetico.