Giacomo Saccomanno muore a 3 anni

Otto medici indagati per la morte del piccolo Giacomo Saccomanno

Secondo l'accusa, la morte di Giacomo Saccomanno è dovuta ad un pacemaker istallato al contrario

Otto medici delle strutture dell’ospedale Bambino Gesù di Taormina e Roma, sono indagati per la morte del piccolo Giacomo Saccomanno. Il piccolo, nato a settembre del 2016 in Sicilia con un difetto congenito al cuore, è morto il 3 gennaio del 2019. Nei quasi tre anni di vita, Giacomo aveva ricevuto cure ed interventi da dottori che, secondo l’accusa, hanno agito con negligenza.

Rischiano grosso gli otto dottori che, tra Taormina e Roma, hanno avuto a che fare con questo caso, finito purtroppo tragicamente. Il prossimo 15 settembre, nei confronti dei suddetti, si svolgerà l’incidente probatorio, davanti al GIP, Andrea Fanelli. L’accusa per loro è quella di omicidio colposo.

La storia di Giacomo inizia in salita già il giorno della sua nascita. Il 14 settembre 2016, infatti, viene al mondo e da subito riscontra un blocco atrioventricolare congenito.

Già il giorno successivo, secondo l’accusa, avviene il primo sbaglio dei medici che lo hanno in cura nella sede di Taormina del Bambino Gesù. Proprio il 15 settembre, i primi tre degli 8 medici indagati, effettuano il primo intervento sul piccolo, che gli istallano, secondo il PM, un pacemaker nel verso sbagliato. Operazione che comporterà una sorta di strangolamento della arteria con il passare tempo.

Giacomo Saccomanno passa in cura al Bambino Gesù di Roma

Giacomo Saccomanno muore a 3 anni
Credit: Ospedale Bambino Gesù

Da quel momento in poi, le cure e i controlli del piccolo, saranno effettuati nella sede romana dell’ospedale Bambino Gesù. In ben tre casi, sempre secondo il PM, avvengono delle mancanze dei dottori che, a seguito di ricoveri del bambino, non approfondiscono la cosa e fanno trascorrere altro tempo, complicando le condizioni di Giacomo.

Il 26 aprile del 2018, altri due dottori, esaminano una radiografia che, pur riscontrando una posizione elevata degli elettrodi, non li porta ad effettuare nessun approfondimento.

Giacomo Saccomanno muore a 3 anni

Cinque mesi più tardi, il 27 settembre 2018, il bimbo viene visitato di nuovo e il cardiologo riscontra una lieve dilatazione del ventricolo. A seguito della diagnosi, non viene disposto alcun esame aggiuntivo.

Passano altri 3 mesi e il 21 dicembre, un’altra cardiologa dispone un intervento ma senza effettuarlo con urgenza. La dottoressa dimetterà il piccolo, rimandandolo a casa, in Sicilia.

Il 31 dicembre dello stesso anno, inizia l’ultimo tragico capitolo di Giacomo Saccomanno. Il bambino si sente male e viene portato all’ospedale di Polistena. La situazione critica impone un suo immediato trasferimento a Roma dove, però, secondo i genitori, non c’era alcuna equipe medica pronta ad effettuare l’intervento.

Giacomo Saccomanno muore a 3 anni

L’intervento avverrà 24 ore più tardi. Altri ritardi, altre attese che, alla fine, si riveleranno letali. Giacomo morirà due giorni più tardi, il 3 gennaio del 2019.

La replica dell’Ospedale

Credit video: GLOBO NEWS – Youtube

A tutte le accuse ricevute, è arrivata una replica da parte della direzione dell’Ospedale. In una nota ha dichiarato:

Non esiste nessun pacemaker “messo al contrario”. L’affermazione non ha alcun senso dal punto di vista clinico e non trova riscontro negli accertamenti finora effettuati. Vi è stata, invece, una complicanza che si registra in pochissimi casi e risolvibile chirurgicamente. L’intervento era già programmato. Ma il bambino purtroppo, in attesa di tornare a ricovero, ha contratto un virus e poi una polmonite che gli è risultata fatale. L’ospedale è vicino alla famiglia e fiducioso del lavoro della magistratura

Seguiranno aggiornamenti.

Casalecchio - Avvelena i genitori con del cibo, parla la mamma: "Mi diceva perché non muori?"

Casalecchio - Avvelena i genitori con del cibo, parla la mamma: "Mi diceva perché non muori?"

Piera Maggio interviene telefonicamente durante la trasmissione Quarto Grado: "Non sono stati loro a rapire Denise"

Piera Maggio interviene telefonicamente durante la trasmissione Quarto Grado: "Non sono stati loro a rapire Denise"

L'esercizio di matematica che ha messo in difficoltà tutto il web: ecco la risposta

L'esercizio di matematica che ha messo in difficoltà tutto il web: ecco la risposta

Bambino nato con meno dell'1% di probabilità di sopravvivere sorprende tutti qualche mese dopo

Bambino nato con meno dell'1% di probabilità di sopravvivere sorprende tutti qualche mese dopo

Mondo della musica di nuovo a lutto. Se ne va un altro grande artista, che aveva solo 52 anni

Mondo della musica di nuovo a lutto. Se ne va un altro grande artista, che aveva solo 52 anni

Il commovente gesto degli amici di Daniele Mondello: "Non sono solo alla ricerca della verità"

Il commovente gesto degli amici di Daniele Mondello: "Non sono solo alla ricerca della verità"

Cadavere decapitato nel Po: potrebbe essere di Stefano Barilli, ricercato da Chi l'ha visto

Cadavere decapitato nel Po: potrebbe essere di Stefano Barilli, ricercato da Chi l'ha visto