Piera Maggio e i post su Facebook

Piera Maggio indignata su Facebook: “Magari non lo sapevi perché sei una capra”

Piera Maggio, la mamma della piccola Denise Pipitone ha espresso la sua rabbia sui social: ecco cosa sta succedendo

Rabbia e delusione, questo è ciò che in questi giorni sta provando Piera Maggio. Una madre che da 17 lunghi anni cerca la sua bambina di 4 anni, rapita fuori casa della sua nonna e diventata oggi una ragazza di 21 anni.

Piera Maggio e i post su Facebook

Nonostante in gioco ci sia la vita di Denise Pipitone e nonostante tutti si siano schierati con la sua mamma e pretendono oggi verità e giustizia, ci sono anche persone senza un minimo di rispetto.

Account falsi che commentano sotto i post di Denise con frasi ironiche e di cattivo gusto. Scrivono di una brutta fine che la bimba avrebbe fatto o denigrano Piera Maggio, accusandola di essere una persona che usa la storia di sua figlia per la visibilità o insultano la sua vita privata.

Piera Maggio e i post su Facebook
Credit: Piera Maggio – Facebook

Poche ore fa, la donna ha deciso di pubblicare due post sul suo profilo social. Nel primo ha espresso la sua indignazione riguardo alcuni commenti e ringraziato tutti coloro che hanno contribuito a far chiudere gli account fake.

Complimenti a coloro che hanno fatto in modo che alcuni account fake con i vari commenti giustifichino il reato di sequestro di una bambina, adesso è diventato qualcosa di normale, avete liberalizzato la VIOLENZA, dando modo a qualsiasi persona, anche giovani, di sentirsi liberi di agire, nello stesso modo e con la stessa crudeltà nel caso abbiano problemi in famiglia, così come è stato fatto a noi. Complimenti alle bugie dette e alla non sensibilità per far si che ciò avvenisse… Ricordatevi bene delle vostre azioni prima di giudicare gli altri. ADESSO SE CI RIUSCITE, SIATE GIUDICI DI VOI STESSI E SE POTETE GUARDATEVI ALLO SPECCHIO PER VEDERE RIFLESSO I MOSTRI CHE SIETE. Sono sicura che prima o poi tutti i nodi verranno al pettine e verrà anche il vostro giorno. COMPLIMENTI

Da quanto in qua le vittime vengono trattate in questo modo! *Se volete, chiunque abbia rispetto degli uni e degli altri, INDIGNATEVI ANCHE VOI INSIEME A NOI, per quanto sta accadendo!

Il secondo post di Piera Maggio

Nel secondo post pubblicato, Piera Maggio ha voluto informare tutte queste persone che usano dei contatti falsi, di un piccolo dettaglio che forse non hanno preso in considerazione. Tutti hanno un indirizzo IP e tutti possono essere rintracciati e denunciati.

Piera Maggio e i post su Facebook
Credit: Piera Maggio – Facebook

Lo sai che anche tu hai un indirizzo IP? tutte le volte che utilizzerai internet. Magari non lo sapevi perché sei una capra. Ecco ogni volta che cercherai di diffamarci con ogni mezzo, sappi che sarai rintracciabile ugualmente. 😉 Andiamo avanti…👍 P.S Non saranno i tuoi mezzucci diffamazione e denigratori che ci fermerà. Abbiamo con Noi, tanti CARISSIMI AMICI VIRTUALI che ci sosterranno, nella nostra battaglia per la #VeritàPerDenise #GiustiziaperDenise.

Dramma infinito per Michael Ballack: il figlio 18enne morto in un incidente stradale

Dramma infinito per Michael Ballack: il figlio 18enne morto in un incidente stradale

Dramma a Lecce, neonata trovata con una ferita alla gola ed abbandonata nel giardino: arrestata la mamma

Dramma a Lecce, neonata trovata con una ferita alla gola ed abbandonata nel giardino: arrestata la mamma

Ilaria Parimbelli, morta la ragazza di 26 anni malata da tempo

Ilaria Parimbelli, morta la ragazza di 26 anni malata da tempo

Milano, l'atleta Valentina Caso travolta ed uccisa a 32 anni

Milano, l'atleta Valentina Caso travolta ed uccisa a 32 anni

Andrea Destefanis, morto a 25 anni: investito da un trattore mentre era in sella alla sua bici

Andrea Destefanis, morto a 25 anni: investito da un trattore mentre era in sella alla sua bici

Samuele Freddi, morto in casa a 20 anni: disposta l'autopsia

Samuele Freddi, morto in casa a 20 anni: disposta l'autopsia

La nonna denuncia la scomparsa del piccolo Kache Wallis, ma alla fine viene ritrovato senza vita dentro la scatola dei giochi

La nonna denuncia la scomparsa del piccolo Kache Wallis, ma alla fine viene ritrovato senza vita dentro la scatola dei giochi