Piera Maggio ricoverata per un malore

Piera Maggio ricoverata per un malore: l’avvocato di famiglia lo spiega a Mattino Cinque

La mamma di Denise Pipitone, Piera Maggio, si trova in ospedale ed è per questo che non andrà in Russia

La storia della ragazza russa e di Denise Pipitone, ha attirato l’attenzione dell’Italia intera. Negli ultimi giorni, gli utenti stanno cercando di rimanere aggiornati il più possibile, per scoprire se davvero quella ragazza in cerca della sua mamma, è la bimba scomparsa nel 2004. Poco fa, il legale di Piera Maggio ha chiarito, durante la puntata di Mattino Cinque, perché la donna non partirà per la Russia.

Piera Maggio ricoverata per un malore

Giacomo Frazzitta ha spiegato che la mamma della piccola Denise Pipitone si trova attualmente ricoverata in ospedale a seguito di un malore. Non ha però specificato le cause. La mamma di Denise, ha pubblicato sul suo profilo Facebook, diversi giorni fa, una foto del corridoio di un ospedale e l’ha accompagnata da queste parole:

Vi sono momenti nella vita in cui bisogna affrontare anche gli imprevisti. L’importante riescano bene. Perlomeno è quello che si spera. Un GRAZIE DI CUORE a tutto il personale completo, medico, infermieristico ecc… dall’ospedale Sant’Antonio Abate di Trapani.

Raccolto il Dna di Olesya

L’avvocato della famiglia di Denise Pipitone, ha poi continuato:

Piera Maggio ricoverata per un malore

In Russia hanno raccolto il Dna. Noi attendiamo ancora contatti con la giovane Olesya. Faremmo una valutazione preliminare con la compatibilità di Denise Pipitone, di cui abbiamo il gruppo sanguigno. Poi andremo avanti con le procedure di identificazione.

La segnalazione che arriva da una spettatrice russa di Chi l’ha visto e del programma russo, ha immediatamente individuato la somiglianza tra Piera Maggio e questa ragazza. Il vuoto storico della ragazza, che prima del rapimento e dell’orfanotrofio non ricorda nulla, ci aiuta per certi versi ad approfondire la segnalazione.

Piera Maggio ricoverata per un malore

L’avvocato ha raccontato che Piera Maggio ormai ha imparato a vivere in modo obiettivo le segnalazioni sulla piccola Denise. Purtroppo, negli anni sono state molte ed hanno portato soltanto a delusioni.

La speranza che sia viva è sempre lì con lei, ma ha deciso si procedere con i piedi ben saldati a terra. In un audio inviato a Mattino Cinque, Piera Maggio ha detto:

In questi anni la speranza di poter riabbracciare nostra figlia non è mai mancata e non mancherà.

Il legale ha poi concluso, dicendo che presto riceveranno il Dna di Olesya e potrebbe accadere anche questo pomeriggio.

Caso Denise Pipitone, spunta una nuova foto sul profilo del legale di Piera Maggio. Federica Panicucci la mostra a Mattino 5

Caso Denise Pipitone, spunta una nuova foto sul profilo del legale di Piera Maggio. Federica Panicucci la mostra a Mattino 5

"Si tratta di una malattia che ti toglie tutto. Ho pensato di voler morire". Racconta a Verissimo della malattia dei suoi figli e Silvia Toffanin non trattiene le lacrime

"Si tratta di una malattia che ti toglie tutto. Ho pensato di voler morire". Racconta a Verissimo della malattia dei suoi figli e Silvia Toffanin non trattiene le lacrime

Il piccolo Lorenzo è morto 20 giorni dopo la sua nascita: lo straziante messaggio dei genitori

Il piccolo Lorenzo è morto 20 giorni dopo la sua nascita: lo straziante messaggio dei genitori

Un doppio tremendo lutto per la cantante. Il commovente addio a zia Dani e zio Franco, entrambi morti per Covid-19

Un doppio tremendo lutto per la cantante. Il commovente addio a zia Dani e zio Franco, entrambi morti per Covid-19

Paura per l'allenatore: tutta la sua famiglia è positiva e sua moglie è stata ricoverata allo Spallanzani

Paura per l'allenatore: tutta la sua famiglia è positiva e sua moglie è stata ricoverata allo Spallanzani

Perché Denise Pipitone non ha il cognome del padre Pietro Pulizzi?

Perché Denise Pipitone non ha il cognome del padre Pietro Pulizzi?

Donna 30enne incinta salvata dopo un distacco di placenta: il bimbo non ce l'ha fatta

Donna 30enne incinta salvata dopo un distacco di placenta: il bimbo non ce l'ha fatta