influencer russe

Russia: le influencer distruggono le borse di Chanel come simbolo di protesta

Chanel impedisce ai clienti della Russia di aquistare i propri prodotto, le influencer protestano sul web

In Russia, nel corso delle ultime ore, molte persone stanno sollevando numerose polemiche nei confronti della casa di moda Coco Chanel. Quest’ultima non permette ai clienti russi di acquistare i propri prodotti a causa delle sanzioni previste dall’Unione Europea. Alla luce di questo, le influencer stanno distruggendo le loro borse di lusso.

Per omologarsi alle sanzioni previste dall’Unione Europea nei confronti della Russia, Coco Chanel è stato uno dei primi brand ad impedire la vendita dei propri prodotti ai russi, sia nei negozi fisici che online. In particolare, la casa di moda non vende prodotti che hanno un valore maggiore di 300 euro alle persone che hanno il passaporto russo.

Tuttavia, tale normativa non viene applicata solo in caso l’aquirente si impegni a firmare un contratto in cui dichiarara di non indossare i prodotti acquistati in Russia. Inutile dire che questa pratica ha suscitato l’indignazione di numerose persone, in particolare le influencer.

Per tanto, queste ultime hanno dato il via ad una vera e propria protesta distruggendo le loro borse firmate Chanel. Per esempio, la modella Victoria Bonya ha pubblicato un video sul suo profilo Instagram in cui appare fare a pezzi il suo accessorio di lusso dichiarando:

Se Chanel non rispetta le clienti, perché noi dovremmo rispettare Chanel?

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Marina Ermoshkina (@amazing_marina)

Un altro personaggio famoso che si è unito alla protesta è stata Marina Ermoshkina, la conduttrice tv la quale, sul suo profilo Instagram che conta quasi 300mila followers, ha rivelato:

Sono contro la russofobia, sono contro un marchio che sostiene la russofobia. Per noi  ragazze russe la presenza di Chanel nelle nostre vite non gioca alcun ruolo. Siamo sempre stati il ​​volto di questo marchio e abbiamo comprato. Ma non una sola borsa, non una sola cosa vale il mio amore per la mia Patria o il rispetto per me stessa.