Addio a Samuele Cavallin

Samuele Cavallin non ce l’ha fatta: si è spento a 19 anni dopo una dura battaglia

Addio a Samuele Cavallin, il ragazzo di 19 anni che ha lottato contro un tumore alle ossa: non ha mai perso il suo contagioso sorriso

Samuele Cavallin è morto a soli 19 anni, dopo aver lottato con tutte le sue forze contro un brutto male.

Addio a Samuele Cavallin

La vicenda di questo ragazzo ha commosso il web, nonostante l’amputazione di una gamba per via di un tumore alle ossa, il giovane ha continuato a fare ciò che più amava, correre dietro al suo pallone. Sempre sorridente e con tanta voglia di vivere.

Viveva a Loreggia, in provincia di Padova e lo scorso 6 marzo si è spento per sempre, dopo un ricovero nella struttura sanitaria Casa del Bambino.

Ha scoperto di avere un tumore alle ossa e si è ritrovato a dover affrontare una dura battaglia, ma nonostante tutto non ha mai perso il sorriso. Quel sorriso che l’ha accompagnato anche dopo l’amputazione di una gamba, mentre continuava a giocare a pallone. Era difensore dello United Borgoricco Campetra.

Addio a Samuele Cavallin

Lo scorso anno aveva anche iniziato a giocare nel Millennium Basket, nel basket in carrozzina.

Dopo la tristissima notizia, tantissime persone si sono strette al dolore dei suoi genitori, mamma Mara e papà Paolo. Samuele Cavallin lascia nel dolore anche il fratello Nicola.

Addio a Samuele Cavallin

L’intera comunità sta mostrando vicinanza e supporto ai familiari e questa sera verrà celebrata una veglia in suo onore nella chiesa di Loreggia.

Tanti i messaggi commoventi apparsi sul web, di amici e conoscenti che hanno voluto salutare e ricordare per l’ultima volta il 19enne. Anche il Vicenza Calcio Amputati ASD ha pubblicato un post su Facebook, accompagnato dalle foto di Samuele mentre insegue il suo amato pallone:

Ciao Samuele! 💔 Ci siamo visti solo per qualche allenamento, ma eri nei nostri pensieri e volevamo sempre sapere come stavi. Attendevamo e nutrivamo la speranza che un giorno potessi scendere in campo insieme a noi e potessi prenderti la tua rivincita. La malattia è stata crudele con te e ti ha portato via davvero troppo presto. Riposa in pace piccolo angelo. 🌼