autopsia marika galizia

Savona, eseguita l’autopsia sul corpo di Marika Galizia: morta a 27 anni durante il parto

Savona, eseguita l'autopsia sul corpo di Marika Galizia, giovane mamma morta a 27 anni durante il parto

È stata eseguita nella mattinata di venerdì 24 settembre, l’autopsia sul corpo di Marika Galizia, morta a 27 anni durante il parto. Nel frattempo sono ancora in corso le indagini per capire il motivo dietro il drammatico ed improvviso decesso della giovane mamma.

autopsia marika galizia
CREDIT: FACEBOOK

Una perdita tragica e straziante, che ha spezzato i cuori di migliaia di persone. In tanti in queste ultime ore stanno pubblicando molti messaggi di cordoglio sui social.

La morte di questa ragazza di soli 27 anni, è avvenuta nella notte tra martedì 21 e mercoledì 22 settembre. Precisamente all’ospedale Sant’Elia di Savona. Si era recata al pronto soccorso poiché era al termine della gravidanza ed accusava dei dolori.

I dottori dopo tutti i controlli, hanno scoperto che era in travaglio. Hanno avviato tutte le procedure per il parto, ma è proprio durante quei minuti è avvenuto il dramma.

autopsia marika galizia

La giovane mamma ha perso i sensi durante le contrazioni. I medici hanno deciso di sottoporla ad un cesareo d’urgenza. Tuttavia, nonostante i loro disperati tentativi il suo cuore non ha mai ripreso a battere. Infatti non hanno potuto far altro che constare il suo decesso.

Anche il figlio, purtroppo, è apparso in condizioni critiche. Per questo hanno deciso di trasferirlo all’ospedale Gaslini, di Genova. La sua situazione al momento risulta essere stabile, ma ancora grave.

Gli esami istologici sul corpo di Marika Galizia

L’autopsia è stata eseguita nella mattinata di ieri, ma da questo esame non è emerso alcun elemento significativo che possa spiegare il motivo dietro la sua morte.

Il medico ha eseguito gli esami istologici, ma per avere i risultati ci vogliono 30 giorni. Il dottore ha a disposizione 2 mesi per consegnare la relazione completa.

autopsia marika galizia

L’ipotesi che stanno prendendo in considerazione è quella dell’embolia da liquido polmonare. Una condizione molto rara, che accade circa 3-4 volte ogni anno. Sarà solo l’autopsia a dare delle risposte più concrete ai familiari della giovane vittima.