Il racconto di Mariangela Tari

“Si tratta di una malattia che ti toglie tutto. Ho pensato di voler morire”. Racconta a Verissimo della malattia dei suoi figli e Silvia Toffanin non trattiene le lacrime

Mariangela Tari racconta della malattia dei suoi figli negli studi di Verissimo

Mariangela Tari è una madre che si è ritrovata a dover affrontare molti ostacoli nella vita. Ha scritto un libro, per supportare tutti i genitori in una situazione simile alla sua. Ospite durante la trasmissione Verissimo, Mariangela ha raccontato la sua storia, commuovendo il pubblico italiano e anche Silvia Toffanin.

Il racconto di Mariangela Tari
Credit: Verissimo

Nel suo libro “Il precipizio dell’amore”, la scrittrice parla della malattia dei suoi due figli e di come sia stata costretta a rialzarsi e farsi forza ogni volta. Parole di una madre, che pronunciate dentro lo studio televisivo, hanno fatto piangere migliaia di persone.

Il racconto di Mariangela Tari
Credit: Verissimo

Essere madre di due figli malati fa la differenza. Non sono io quella malata, sono loro. E quindi quello che io devo fare, è scendere dal letto e mettermi a vivere con loro. Ho scoperto che c’è tanta vita anche laddove gli altri non la vedono.

Io sono stata piegata dal dolore. Ho pensato di voler morire, però poi ho capito che il dolore va attraversato. Poi arriva l’accettazione e poi capisci di poter far finta di poter decidere. Così decido che è la vita che voglio e che sono i bambini che voglio. Loro meritano una vita degna e hanno una madre che è qui per questo.

La malattia dei figli di Mariangela Tari

Mariangela Tari ha poi raccontato alla conduttrice della malattia dei suoi figli.

Mia figlia Sofia, verso l’anno e mezzo, inizia a graffiarsi il viso, a non dormire la notte, a gridare. E improvvisamente comincia a perdere gli oggetti dalle mani. Scopriamo che Sofia ha la sindrome di Rett. Si tratta di una malattia pazzesca. Un po’ alla volta ti toglie tutto, cammino, uso delle mani, la parola… Sono rimasti solo i suoi magnifici occhi. Le chiamano le bambine dagli occhi belli. Ora sento la sua voce senza sentirla, lei mi parla con gli occhi.

Il racconto di Mariangela Tari
Credit: Verissimo

Mentre Mariangela combatte i primi ostacoli della malattia della sua bambina, scopre di essere di nuovo in dolce attesa. Un bellissimo maschietto.

Nasce, cresce ed è felice, fino al 2017. I medici gli diagnosticano un tumore celebrale.

A Pasqua 2017 inizia a vomitare, per sei mesi, ogni mattina vomita. Mi sono spaccata in due dal dolore. La prima cosa che ho fatto è stata andare in chiesa. Ho tirato giù la croce. L’ho vissuta come un’ingiustizia. Per me era troppo. Poi ho però cominciato un percorso incredibile che mi ha portato fin qui.

Nemmeno la conduttrice riesce a trattenere le lacrime durante il racconto di questa madre. Ogni giorno si alza dal letto per amore dei suoi figli e sa che un giorno non ci sarà più lei a prendersi cura di loro:

Io ho paura del futuro, ho paura perché le mie braccia un giorno dovranno mollare Sofia e io spero che ci sia una comunità pronta ad accoglierla.

Importanti rivelazioni sul caso di Denise Pipitone poco fa a Rai 1

Importanti rivelazioni sul caso di Denise Pipitone poco fa a Rai 1

Le dichiarazioni di Alberto di Pisa, ex procuratore capo di Marsala, sul caso di Denise Pipitone

Le dichiarazioni di Alberto di Pisa, ex procuratore capo di Marsala, sul caso di Denise Pipitone

Caso Denise Pipitone: la 19enne fermata a Scalea ospite in collegamento da Barbara D'Urso

Caso Denise Pipitone: la 19enne fermata a Scalea ospite in collegamento da Barbara D'Urso

Nomi vietati per i figli: coppia fermata dai giudici all'anagrafe

Nomi vietati per i figli: coppia fermata dai giudici all'anagrafe

Reddito di emergenza 2021, c'è tempo fino al 31 Maggio: requisiti e come fare domanda

Reddito di emergenza 2021, c'è tempo fino al 31 Maggio: requisiti e come fare domanda

Incidente mortale in Toscana per due 30enni, Pasquale e Chiara perdono la vita insieme

Incidente mortale in Toscana per due 30enni, Pasquale e Chiara perdono la vita insieme

L'osteria non può aprire per mancanza di spazio all'aperto: il bellissimo gesto del parroco

L'osteria non può aprire per mancanza di spazio all'aperto: il bellissimo gesto del parroco