aggiornamenti delitto Spinea

Spinea, uccide l’ex e il nuovo compagno e poi si toglie la vita: le indagini e il racconto di una vicina di casa

Nuovi aggiornamenti sulla tragedia di Spinea: donna e nuovo compagno uccisi a coltellate dall'ex marito

Quanto è accaduto a Spinea, in provincia di Venezia, ha sconvolto tutti. Ancora una volta la gelosia ha portato ad un episodio che non verrà dimenticato.

aggiornamenti delitto Spinea

Mynevere Karabollaj era una giovane mamma di 37 anni, assassinata insieme al suo compagno 23enne Flonino Markuri, dal suo ex marito Viron Karabollaj (40 anni).

A scoprire quanto accaduto, è stata la figlia. Dopo una serata con gli amici, ha provato a contattare la madre, non ricevendo risposta. Così si è recata all’abitazione e ha trovato il compagno senza vita nel garage. Spaventata, è corsa via e ha chiamato le autorità. Poco dopo, ha scoperto che la stessa cosa era accaduto a sua madre, che si trovava all’interno della casa.

In seguito al ritrovamento dei due corpi, le forze dell’ordine hanno trovato anche quello dell’ex marito, che si è tolto la vita all’interno dell’azienda per cui lavorava.

Delitto Spinea: il racconto di una vicina di casa

Una vicina ha raccontato di quello che ha sentito in quelle indimenticabili ore:

aggiornamenti delitto Spinea

Intorno alle 22 dell’altro ieri sera dalle finestre abbiamo visto apparire i lampeggianti dei carabinieri, poi all’improvviso urla strazianti, disperate, interminabili. Erano i parenti che avevano saputo dell’uccisione di Mynevere e Flonino. Grida che ci hanno spezzato il cuore, da far venire la pelle d’oca.

Si erano separati da due anni e la donna stava cercando di rifarsi una vita con un altro uomo, 14 anni più giovane di lei.

aggiornamenti delitto Spinea

Secondo le autorità, l’ex marito ha studiato il piano con molta cura. Ha tolto la vita alla sua ex e poi al nuovo compagno, nelle stesse modalità, con diverse coltellate, in diversi punti della casa. Per tutta la notte, gli agenti lo hanno cercato, fino al ritrovamento in quell’azienda.

Mynevere e il suo compagno erano molto conosciuti, anche se vivevano una vita riservata. I vicini hanno descritto lei come una donna gentile e sempre sorridente. L’ennesimo delitto avvenuto per gelosia.

Le indagini sono ancora in corso.