Coronavirus: Corea del Sud e Taiwan fuori dall'incubo

Taiwan e Corea del Sud sembrano essere fuori dall’incubo del Covid

A Taiwan non si registrano casi da oltre 200 giorni, in Corea del Sud e in Cina solo poche decine al giorno

Ci sono alcuni paesi in cui la seconda ondata di Coronavirus non è mai arrivata e, anzi, si potrebbe anche affermare che difficilmente arriverà. Stiamo parlando, ad esempio, di Taiwan e della Corea del Sud che, mettendo in atto un preciso piano, pare che siano riusciti a controllare quasi del tutto la pandemia.

Coronavirus: Corea del Sud e Taiwan fuori dall'incubo
Credit: Pixabay.com

La Cina stessa, paese dal quale tutto è iniziato, sembra essersi liberata quasi totalmente dallo spettro del virus e ci è riuscita senza alcun vaccino o alcuna cura. Il cosiddetto ‘Sistema delle tre T‘, ha funzionato in maniera migliore di qualsiasi altro. Le tre T stanno per Testare, Tracciare, Trattare.

Dopo aver regolamentato a dovere gli spostamenti, vitandone molti, soprattutto in entrata e dai paesi o dalle città a più alto rischio, Taiwan ha iniziato un periodo che, ad oggi, la vede a zero nuovi contagi da 200 giorni.

Molto importante è stato anche l’accanimento con cui hanno testato. Si parla del numero incalcolabile di tamponi effettuati su tutta la popolazione e con una velocità che, alla fine, ha permesso di individuare ed isolare i casi risultati positivi.

Coronavirus: Corea del Sud e Taiwan fuori dall'incubo
Credit: Pixabay.com

L’ultima manovra che ha permesso questo netto rallentamento dei contagi, è stato il tracciamento di tutte le persone entrate a contatto con un positivo. Per loro è stato deciso di disporre un’immediato isolamento, anche se il tampone risultava negativo.

Come ha agito la Corea del Sud

Coronavirus: Corea del Sud e Taiwan fuori dall'incubo
Credit: Pixabay.com

Così come la Cina, anche la Corea del Sud è stato uno dei paesi più colpiti durante la prima ondata dei contagi. Guardando le immagini di oggi in questi due paesi, si rimane scioccati nel vedere come siano riusciti a tornare praticamente alla vita normale di prima.

Credit Video: Rai – Youtube

Il loro successo nella lotta contro il Coronavirus è passato e sta passando attraverso due fattori. I milioni e milioni di tamponi effettuati in un tempo brevissimo e una strategia di tracciamento che sembra essere infallibile.

Grazie ai dati raccolti dalle app di messaggistica o di internet banking, gli organi competenti tengono sotto controllo quasi tutta la popolazione. Riescono a risalire a tutte le posizioni e i luoghi da loro visitati, alle date e agli orari in cui li hanno visitati e, ovviamente, tutte le persone con cui sono entrati a contatto. Nel momento in cui un individuo risulta positivo, è immediato il rintracciamento dei suoi contatti e la messa in quarantena degli stessi, anche se i loro tamponi sono negativi.

Silvio Berlusconi: "Condizioni di salute peggiorate negli ultimi giorni". Medici gli ordinano di stare a casa

Silvio Berlusconi: "Condizioni di salute peggiorate negli ultimi giorni". Medici gli ordinano di stare a casa

Vincenzo, il bambino di 10 anni morto a Taranto per un tumore alle ossa

Vincenzo, il bambino di 10 anni morto a Taranto per un tumore alle ossa

Grosjean, vivo per miracolo dopo il pauroso incidente in Formula 1: "Mi ha salvato"

Grosjean, vivo per miracolo dopo il pauroso incidente in Formula 1: "Mi ha salvato"

Orietta Berti positiva al Coronavirus: "Sotto controllo medico"

Orietta Berti positiva al Coronavirus: "Sotto controllo medico"

Morto Gianni, l'ispettore di produzione della serie tv Gomorra

Morto Gianni, l'ispettore di produzione della serie tv Gomorra

Incidente in Trentino, Valeria Artini non ce l'ha fatta: è morta a 16 anni

Incidente in Trentino, Valeria Artini non ce l'ha fatta: è morta a 16 anni

Sei anni dalla morte del piccolo Lorys Stival

Sei anni dalla morte del piccolo Lorys Stival