Vittoria Rea

Vittoria Rea: la figlia di Melania Rea ha ottenuto il cambio cognome

Arriva una bella notizia per Vittoria Rea, la figlia di Melania Rea ora ha un nuovo nome

Nel corso delle ultime ore è arrivata la bellissima notizia di Vittoria Rea. La figlia di Melania Rea può finalmente dire addio al cognome del padre. Infatti ora ha un nuovo cognome, ossia quello della madre. All’epoca dell’omicidio di quest’ultima, la bambina aveva solo 18 mesi. Adesso è una ragazzina di 11 anni la quale ha avuto la forza di lasciarsi alle spalle una tragedia simile.

Vittoria Rea

Come tutti sappiamo, la vita di Vittoria Rea è stata travolta da una doppia tragedia. Quando la ragazzina aveva solo 18 mesi, sua mamma è stata uccisa brutalmente dal padre, Salvatore Parolisi, con ben 35 coltellate. Un episodio a causa del quale la ragazza perse entrambi i genitori.

A distanza di circa 9 anni dall’omicidio di Melania Rea, la vita della piccola Vittoria vede uno spiraglio di luce. Finalmente, il Tribunale ha accolto la richiesta di cambio di cognome da parte di quest’ultima. Da qui, per Vittoria Rea si sta aprendo un nuovo capitolo della sua vita.

Melania Rea

La notizia sta spopolando da qualche ora su tutti i giornali e i media e a darne l’annuncio è stato anche il giornalista Gianpietro Fiore. Con queste parole l’uomo ha iniziato il suo discorso sulla sua pagina Facebook:

Vittoria la figlia di Melania Rea, si è stancata di portare quell’ingombrante e imbarazzante cognome del padre e nei giorni scorsi è riuscita ad ottenere dai giudici il cognome della madre. Da oggi sarà Vittoria Rea!

Omicidio Rea

Melania Rea morì il 18 aprile 2011 dopo essere sparita nel nulla durante una gita a Ripe di Civitella in compagnia di suo marito e sua figlia. A seguito di alcuni giorni, le autorità hanno ritrovato il corpo della donna in una zona boschiva segnato da ben 35 coltellate.

Salvatore Parolisi

Stando alle indagini, la legge identificò come unico colpevole del delitto Salvatore Parolisi. Attualmente l’uomo sta scontando la sua condanna la quale corrisponde a 20 anni di carcere. Qui, considerato un “detenuto modello” lavora come centralista e può usufruire di permessi e uscite per motivi di lavoro o di studio.

Aurelio Andreazzoli, allenatore dell'Empoli, a lutto per la morte del fratello Alberto

Aurelio Andreazzoli, allenatore dell'Empoli, a lutto per la morte del fratello Alberto

Lutto nel giornalismo, Maria Cristina Ruini si è spenta a 52 anni

Lutto nel giornalismo, Maria Cristina Ruini si è spenta a 52 anni

Napoli, Alessandra De Rosa non ce l'ha fatta: si è spenta a 31 anni dopo aver contratto il Covid in gravidanza

Napoli, Alessandra De Rosa non ce l'ha fatta: si è spenta a 31 anni dopo aver contratto il Covid in gravidanza

Lutto nel mondo del calcio: Simone Perisan è morto a soli 39 anni

Lutto nel mondo del calcio: Simone Perisan è morto a soli 39 anni

Denise Pipitone: la paura di Piera Maggio su cosa accadrà

Denise Pipitone: la paura di Piera Maggio su cosa accadrà

Paura a Treviglio, due bambini rimasti intrappolati sul balcone: erano soli in casa

Paura a Treviglio, due bambini rimasti intrappolati sul balcone: erano soli in casa

Omicidio Willy, le parole di Mario Pincarelli dal carcere: "Sono a posto con la coscienza"

Omicidio Willy, le parole di Mario Pincarelli dal carcere: "Sono a posto con la coscienza"