Ritratti di donne moderne

Ritratti di donne moderne, ecco una serie di opere dell'artista Francesca Nini Carbonini che celebrano grandi personaggi sempre attuali!

Home > Lifestyle > Ritratti di donne moderne

Ritratti di donne moderne, forti, che sanno quanto valgono e lo dimostrano ogni giorno al mondo intero. O lo hanno dimostrato, perché purtroppo oggi non ci sono più. C’è un’artista che ha deciso di regalare loro una serie di immagini che le ritraggono. Per non dimenticare quanto possiamo essere forti noi donne.

Ci sono Regina Elisabetta II, Eleonora Duse, Aretha Franklin, Rita Levi Montalcini, Audrey Hepburn, Brigitte Bardot, Sophia Loren, Liza Minnelli, Frida Kahlo, Liz Taylor. 10 le donne forti raccontate da Once upon a time la nuova serie di opere realizzata dall’artista italiana Francesca Nini Carbonini.

Reduce dalla vandalizzazione dell’opera dedicata a Liz Taylor, in occasione della New York Design Week, ospite di Azimut Bennet, che ha così celebrato i 50 anni del gruppo, l’artista ha deciso di rappresentare “donne che hanno vissuto nel visionario, che hanno lottato per la loro visione, la loro arte, i loro progetti, affinché la loro immaginazione divenisse tangibile. Sono donne che hanno costruito imperi. Nelle opere rappresento la loro capacità di credere, di lottare, di non mollare mai e di abbandonarsi alla vittoria senza riserve”.

Le opere di Once upon a time nascono dalla necessità, tramite la mia arte, dipingendo e vandalizzando, di esplorare lo spazio attorno a me attraverso gli occhi di donne icone. Studiando le loro vite, ho provato a calarmi nei loro panni, un’esperienza eccitante e dolorosa allo stesso tempo; mi sono persa e perdendomi ho tentato di raccogliere il loro intimo nelle espressioni, negli occhi e nello sguardo. Ho rappresentato tutti i ritratti a bocca chiusa, senza sorrisi, senza ammiccamenti: la bocca può restare muta se tutto il resto è forte, se si ascolta e si parla con tutto il volto”.

Tramite la vandalizzazione, termine da lei coniato, si cerca lo spazio nelle tele in una serie di rapidi tratti di colore con cui esprime l’anima dell’artista e dell’opera stessa. Come in una sorta di quarta dimensione. In questo modo si può dare uno stile visionario ai visi ritratti.

Voi in quale delle sue donne moderne, forti e visionarie vi riconoscete di più?