Pattuglia Carabinieri indaga su giallo

Carabinieri trovano il corpo di una 17enne gettato in un burrone: poco dopo la svolta

Il responsabile li ha accompagnati sul luogo di ritrovamento del corpo

Stamattina, nella zona di Monte San Calogero a Caccamo, in provincia di Palermo, è stato rinvenuto il corpo di una giovane di soli 17 anni. A cui ora è possibile associare un volto e un nome: si tratta di Roberta Siragusa.

Omicidio Roberta Siragusa: l’assassino vuota il sacco

Roberta Siragusa con il fidanzato

A condurre in loco le indagini dei carabinieri, una zona impervia dove è particolarmente complicato arrivare, è stato il fidanzato della ragazza deceduta, il 19enne Pietro Morreale. Insieme al padre e a un avvocato ha condotto i militari sul luogo dove è stato poi, effettivamente, trovato il cadavere.

Cadavere in parte bruciato

Selfie Roberta Siragusa

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri si sono occupati delle indagini, coordinate dalla procura di Termini Imerese. Secondo gli accertamenti iniziali, il cadavere sarebbe in parte bruciato.

A presentarsi sulla scena sono giunti pure gli uomini della scientifica, in modo da eseguire gli opportuni rilievi, nonché il medico legale e il pm di turno della procura di Termini Imerese.

La denuncia di scomparsa già ieri sera

Profilo Roberta Siragusa

È partita la spedizione degli addetti alle indagini per stabilire nel dettaglio ciò che è successo: già da sabato sera la famiglia di Roberta Siragusa aveva fatto denuncia di scomparsa. Qui riportiamo l’ultimo video condiviso dalla ragazza sui social:

Come è sempre in questi casi, le persone che la conoscevano speravano fosse un allontanamento momentaneo. E invece la verità venuta a galla è stata la peggiore possibile.

Roberta Siragusa: l’ultimo aggiornamento sui social

Cappello Carabinieri

Sul profilo Facebook della diciassettenne palermitana, l’ultimo aggiornamento all’immagine del profilo risale a venerdì. Proprio sotto compare un commento del fidanzato scritto dopo le ore 14 di sabato: “Amore mio bedda”, recita il messaggio. Nel giro di qualche ora arriverà la tragedia, ma sono ancora molte le domande che necessitano risposta.

Aggiornamento: L’avvocato Angela Maria Barillaro, che con il collega Giuseppe Di Cesare difende Pietro Morreale, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ad Adnkronos: “Il nostro assistito non ha mai confessato alcun omicidio. Per ora si trova nei locali della caserma di Caccamo ma non è ancora stato interrogato. E’ vero che si è presentato in caserma per indicare il luogo del ritrovamento del cadavere, altro non possiamo dire al momento. Più in là potremo dire di più. Non è stato comunque emesso alcun provvedimento nei suoi confronti”, ha affermato l’avvocato.

Le dichiarazioni di Alberto di Pisa, ex procuratore capo di Marsala, sul caso di Denise Pipitone

Le dichiarazioni di Alberto di Pisa, ex procuratore capo di Marsala, sul caso di Denise Pipitone

Caso Denise Pipitone: la 19enne fermata a Scalea ospite in collegamento da Barbara D'Urso

Caso Denise Pipitone: la 19enne fermata a Scalea ospite in collegamento da Barbara D'Urso

Addio bancomat: sarà rivoluzione per il contante

Addio bancomat: sarà rivoluzione per il contante

La 19enne interrogata a Scalea non è Denise Pipitone: il video di Chi l'ha visto

La 19enne interrogata a Scalea non è Denise Pipitone: il video di Chi l'ha visto

Incidente mortale in Toscana per due 30enni, Pasquale e Chiara perdono la vita insieme

Incidente mortale in Toscana per due 30enni, Pasquale e Chiara perdono la vita insieme

Ragusa: Stefano Pagano morto a soli 21 anni per incidente stradale

Ragusa: Stefano Pagano morto a soli 21 anni per incidente stradale

Nomi vietati per i figli: coppia fermata dai giudici all'anagrafe

Nomi vietati per i figli: coppia fermata dai giudici all'anagrafe