Massimo Bossetti

Massimo Bossetti è tornato a parlare dopo l’ultima sentenza della Cassazione: “Ora tocca a me”

L'uomo accusato di omicidio è più sicuro che mai a dimostrare la sua innocenza

Sono passati quasi 11 anni da uno dei casi più tristi e sconvolgenti della cronaca nera. Stiamo parlando dell’omicidio di Yara Gambirasio, la 13enne di Brembate Sopra, scomparsa il 26 novembre 2010 e ritrovata tre mesi dopo a Chignolo D’Isola. Imputato assoluto della vicenda Massimo Bossetti che sin da subito si è dichiarato innocente, nonostante le prove a suo sfavore.

Massimo Bossetti

Sin dal primo arresto l’uomo ha sottolineato la sua innocenza ed ha spesso rilasciato delle dichiarazioni tramite i suoi legali. Sin dalla prima condanna non si è mai arreso ed ha lottato dal carcere affinché venisse dimostrata l’innocenza che ha sempre professato.

L’imputato numero uno dell’omicidio della piccola Yara recentemente ha confessato:

Non ho ucciso io Yara, finalmente qualcuno mi ha ascoltato e potrò dimostrare che non sono un assassino.

È stata questa la reazione di Massimo Bossetti in riferimento alla decisione della Cassazione di esaminare da parte della difesa 98 e più reperti mai analizzati e visionati.

massimo bossetti

Tra questi, potranno essere visionati pantaloni e vestiti della vittima insieme a più 54 campioni di DNA che saranno decisivi per la formulazione della condanna. Lo scopo della revisione delle prove da parte della difesa sarà la ricerca di prove che serviranno per la revisione della sentenza.

yara gambirasio

Tra questi, potranno essere visionati pantaloni e vestiti della vittima insieme a più 54 campioni di DNA che saranno decisivi per la formulazione della condanna. Lo scopo della revisione delle prove da parte della difesa sarà la ricerca di prove che serviranno per la revisione della sentenza.

morte yara gambirasio

Massimo Bossetti è detenuto nel carcere milanese di Bollate. E grazie a questa sentenza può tornare a sperare per un’eventuale revisione del processo. Infatti, il processo definitivo del 2018 si era concluso con la condanna dell’ergastolo per l’uomo accusato di omicidio della 13enne Yara.

La prova che ha incastrato Massimo Bossetti

Prova schiacciante che ha permesso di individuare Bossetti come assassino di Yara fu una traccia di DNA individuata sui pantaloni della ragazzina. Da questa traccia, attraverso poi una mappatura estremamente estesa della popolazione vicino a Brembate Sopra, si era arrivati a Massimo Bossetti. L’uomo, però, si è sempre dichiarato innocente ed è speranzoso per questa nuova decisione della Cassazione affinché, come precisato da lui, si possa arrivare finalmente alla verità.

Incidente in scooter a Positano, ragazza di 17 anni muore mentre va a scuola

Incidente in scooter a Positano, ragazza di 17 anni muore mentre va a scuola

L'ultimo commovente addio a Viola Balzaretti: il suo papà ha scritto una straziante lettera

L'ultimo commovente addio a Viola Balzaretti: il suo papà ha scritto una straziante lettera

Viola uccisa dal fratellino per sbaglio con un colpo di fucile, la dedica dei genitori

Viola uccisa dal fratellino per sbaglio con un colpo di fucile, la dedica dei genitori

"Vacca grassa", il marito la insulta: lei perde peso e gli dice addio

"Vacca grassa", il marito la insulta: lei perde peso e gli dice addio

Lutto a Bolzano, Matilda Salutt si è spenta a 13 anni a causa di una grave malattia

Lutto a Bolzano, Matilda Salutt si è spenta a 13 anni a causa di una grave malattia

Che fine ha fatto Kate Fretti, la fidanzata di Marco Simoncelli

Che fine ha fatto Kate Fretti, la fidanzata di Marco Simoncelli

Lacrime, commozione e rabbia ai funerali della piccola Sofia

Lacrime, commozione e rabbia ai funerali della piccola Sofia