omicidio yara gambirasio

Omicidio Yara Gambirasio, Massimo Bossetti: “Voglio uscire dal carcere a testa alta”

Massimo Bossetti continua a dichiararsi innocente dal carcere

Continua a dichiarare la sua innocenza dal carcere il muratore di Mapello, Massimo Bossetti, condannato all’ergastolo per l’omicidio della tredicenne Yara Gambirasio avvenuto nel 2010. Ricordiamo che la ragazza di Brembate Sopra, in provincia di Bergamo, venne trovata morta in un campo tre mesi dopo la scomparsa. Da lì l’inizio di una serie di indagini che hanno visto Massimo Bossetti come unico colpevole del delitto.

omicidio yara gambirasio

L’uomo ha sempre dichiarato la sua innocenza anche dal carcere. Oggi, a parlare, è l’avvocato dell’uomo Claudio Salvagni che durante un’intervista ha dichiarato:

Massimo Bossetti è molto contento, molto positivo, e ha detto ‘io continuo a credere nella giustizia, voglio uscire da quel portone del carcere, a testa alta e soprattutto voglio uscire non per un cavillo giuridico perché i miei avvocati hanno trovato magari i cavilli giusti.

E continua ancora citando le parole dell’uomo:

Voglio uscire perché i nuovi esami attesteranno che quel DNA non è il mio, io non sono Ignoto-1, io non ho mai visto, mai toccato e tanto meno ucciso Yara Gambirasio.

yara gambirasio

L’avvocato di Massimo Bossetti dichiara di credere fermamente nell’innocenza dell’imputato. Ricordiamo che l’arresto di Bossetti è avvenuto nel 2016, 4 anni dopo l’omicidio di Yara. L’uomo è stato identificato grazie ad un’indagine genetica che ha previsto il confronto del DNA del killer con tutta la popolazione bergamasca.

massimo bossetti

Le parole dell’avvocato di Bossetti sull’omicidio di Yara

Si esprime, inoltre, duramente sulle indagini degli inquirenti. Secondo l’avvocato, infatti, gli inquirenti hanno bypassato tutto quello che non sono riusciti a ricostruire. Tanto da parlare di processo delle anomalie e delle zone d’ombra. Si evidenzia poi il fatto che manca oggettivamente un movente, dal momento che Massimo Bossetti e la piccola Yara non si conoscevano.

massimo bossetti yara gambirasio

Con queste parole l’avvocato si esprime sulla vicenda:

Come sul movente: voglio ricordare che nei processi indiziari il movente è importantissimo perché è il collante che tiene insieme tutti gli indizi. E nel caso specifico sono le sentenze che lo dicono: manca un movente. È un caso oggettivo che Massimo Bossetti e la povera Yara non si sono mai visti, mai incontrati, non si conoscevano.

Matteo Bonforte non ce l'ha fatta: si è spento a 24 anni dopo una lunga battaglia

Matteo Bonforte non ce l'ha fatta: si è spento a 24 anni dopo una lunga battaglia

Teenager vuole il seno più grosso: tutti dovrebbero vederla dopo l'intervento

Teenager vuole il seno più grosso: tutti dovrebbero vederla dopo l'intervento

Anche la piccola Jasmine è morta con una corda intorno al collo. La sua mamma, tra le lacrime, ha voluto dire qualcosa a tutti i genitori

Anche la piccola Jasmine è morta con una corda intorno al collo. La sua mamma, tra le lacrime, ha voluto dire qualcosa a tutti i genitori

Lo straziante sfogo dell'attore romano: “Mio figlio ricoverato in ospedale per polmonite da Covid dopo un assembramento"

Lo straziante sfogo dell'attore romano: “Mio figlio ricoverato in ospedale per polmonite da Covid dopo un assembramento"

Addio a Elisa Trevisano, stella del basket: aveva 34 anni ed ha lasciato un bimbo piccolo

Addio a Elisa Trevisano, stella del basket: aveva 34 anni ed ha lasciato un bimbo piccolo

Delitto di Cogne, Annamaria Franzoni all'udienza in tribunale sbotta: "Ora basta".

Delitto di Cogne, Annamaria Franzoni all'udienza in tribunale sbotta: "Ora basta".

Bimba di 11 anni positiva al Covid: ricoverata in terapia intensiva

Bimba di 11 anni positiva al Covid: ricoverata in terapia intensiva