glucomannano

Glucomannano: perché dovresti conoscerlo e usarlo

Il glucomannano è una pianta utile per la nostra salute. Ecco perché dovremmo usarla più spesso

Cos’è il glucomannano? Ne avete mai sentito parlare? È una pianta molto famosa, utilizzata per garantire salute e benessere. I suoi benefici per l’organismo sono noti da tempo e sono diverse le modalità di utilizzo di questa pianta amica del nostro benessere.

Benefici del glucomannano

Il glucomannano, o se vogliamo usare il suo termine scientifico l’Amorphophallus konjak, è una pianta che appartiene alla famiglia delle Aracee. Il suo aspetto è davvero molto particolare, ma quello che più ci stupisce e ci lascia senza parole sono le sue proprietà e i suoi benefici. Da tempo, infatti, la pianta è conosciuta per le sue capacità di proteggere l’organismo e per i tanti usi che possiamo farne per poter stare bene, in forma e in salute.

La pianta erbacea perenne, parente stretta di splendidi fiori come la calla, vanta centinaia di specie diverse, dal fiore davvero unico. La pianta prende vita da un tubero che può arrivare a pesare anche moltissimo. In primavera si forma dal centro un bellissimo fiore, che sboccia dopo qualche settimana. Tanti altri piccoli fiorellini più piccoli sono disseminati lungo la pianta. L’odore non è proprio molto piacevole, ma quello che è importante è come si usa questa pianta per il benessere di ogni persona.

La pianta è originaria dell’Asia orientale.

È largamente presente in Giappone, dove da secoli sono conosciute le sue innumerevoli proprietà, che vengono sfruttate nella medicina tradizionale e popolare che si basa proprio sull’uso di erbe che possono far bene alla nostra salute. Nei paesi asiatici i tuberi di questo tipo sono spesso presenti sulle tavole, dopo essere stati cotti a dovere. Non si devono assolutamente mangiare crudi, perché potrebbero essere tossici e pericolosi per la salute umana. In cucina è anche usata la gomma di Konjac, una gomma vegetale naturale che deriva da questa pianta.

Oggi il glucomannano è protagonista della cucina vegetariana. Si può usare come addensatore ed emulsionante. Lo troviamo nelle caramelle, in condimenti, sughi, minestre, prodotti già pronti per l’uso e anche surgelati. Si può anche trovare sotto forma di integratori, per perdere peso e dimagrire.

Benefici del glucomannano

Proprietà e benefici del glucomannano

La pianta contiene al suo interno una fibra solubile in acqua. Fibra composta da un polisaccaride ad alto peso molecolare, che contiene quantità elevate di glucosio e mannosio. È anche in grado di attirare molta acqua. Si viene a creare una sorta di palla gelatinosa, che aiuta il nostro organismo a regolarci a tavola. Tra le proprietà riconosciute del glucomannano, infatti, c’è quella di inviare al cervello messaggi che indicano che il soggetto è sazio. Inducendoci a mangiare di meno e, dunque, a perdere peso e dimagrire con un più facilità.

Oltre al senso di pienezza e di sazietà, che si può sperimentare anche dopo pochissimi minuti dall’assunzione della fibra, esistono anche altre proprietà che non dobbiamo sottovalutare. Sempre da collegarsi all’azione saziante, possiamo sottolineare che assumendo questa fibra potremo sfruttare anche la sua azione anti fame. Che non ci farà venire i morsi allo stomaco tra un pasto e l’altro. Così da non rimpinzarci di cibo di continuo.

Si tratta di fibre naturali che aiutano anche l’intestino a regolarsi e lo stomaco a svolgere meglio il suo lavoro. Inoltre, in un regime di alimentazione sana ed equilibrata, il glucomannano può aiutare a ridurre il rischio di ammalarci di malattie del cuore e di diabete. Da non dimenticare le azioni ipercolesterolemizzante e ipoglicemizzante del tubero, che ci aiutano a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo nel sangue e i livelli di glicemia nel sangue. Così alle prossime analisi avrete tutto in regola per quello che riguarda le voci dedicate alla glicemia, ai trigliceridi e al colesterolo.

Infine, da ultima ma non per importanza, sappiate che il glucomannano svolge anche un’importante funzione lassativa. per aiutarci a eliminare le feci senza soffrire più di stipsi.

Tra i benefici del glucomannano non dobbiamo dimenticare che è un ottimo coadiuvante in trattamenti volti a trattare condizioni di sovrappeso o di obesità. Alcune ricerche spiegano l’azione antiobesigene che darebbe una mano a rendere la dieta ancora più efficace.

Come dimagrire con il glucomannano

Come dimagrire con il glucomannano

Il glucomannano estratto da questo tubero nella sua versione purificata è un ottimo alleato per dimagrire e perdere peso. In un regime dietetico ipocalorico e sano, infatti, si è rivelato davvero straordinario per mantenere il peso e perdere i chili di troppo, con naturalità e semplicità.

Abbiamo già visto che il tubero è stato spesso usato per le sue proprietà per aiutare le persone in sovrappeso, a patto di seguire una dieta ipocalorica sotto stretto controllo medico e a patto di fare un po’ di attività sportiva. Ed è bene assumere anche molta acqua, per poter sfruttare tutti i benefici di questo rimedio naturale che si è dimostrato un ottimo coadiuvante in caso di dieta. Per dimagrire ne basterebbero pochissimi grammi al giorno, circa 4-5.

Ovviamente è sempre sconsigliato il fai da te.

Anche se abbiamo compreso che questo rimedio è utile per stare in salute e in forma, in caso di diete è sempre bene rivolgersi a un esperto dietologo o a un nutrizionista che, caso per caso, saprà consigliare non solo la dieta personalizzata migliore per ogni esigenza, ma anche eventuali integratori o aiuti che possono provenire dalla natura.

Con la salute non si scherza. E se vogliamo ottenere risultati duraturi, che non causino problemi al nostro organismo, questa è sempre la strada da percorrere.

Modalità d'uso del glucomannano

Modalità d’uso

Il glucomannano si può consumare sotto forma di polvere granulosa estratta dalla radice di konjak. Possiamo trovare in commercio moltissimi integratori a base di questa fibra, sotto forma di comode compresse da assumere ogni giorno. Possiamo farci consigliare dal nostro medico curante o dal nostro farmacista di fiducia per trovare il prodotto più adatto alle nostre esigenze. Inoltre il glucomannano è in vendita anche sotto forma di farina.

Per quanto riguarda gli integratori di glucomannano, bisogna leggere con attenzione le istruzioni riportate sulla confezione o seguire scrupolosamente le indicazioni del medico o del farmacista. Di solito se ne assumono 1-2 comprese almeno un’ora prima dei pasti principali, per poter sfruttare al meglio la sua azione. Come abbiamo sottolineato in precedenza, la dose ideale, soprattutto per chi vuole perdere peso, è di circa 4 o 5 grammi al giorno. Sarebbe meglio assumere questi integratori da mezz’ora a un’ora prima dei pasti, per poter avere quel senso di sazietà che ci permetterà di mangiare meno. Sono da assumere con un bicchiere di acqua o anche un quantitativo maggiore. Quindi 1 o 2 compresse prima di colazione, 1 o 2 compresse prima di pranzo e 1 o 2 compresse prima di cena.

La farina può essere invece utilizzata per produrre tutta una serie di prodotti da forno da portare in tavola ogni giorno per poter garantire i benefici della pianta. Secondo la tradizione asiatica, la farina di glucomannano si usa ad esempio per preparare dolci, biscotti, ma anche pasta, noodle. L’addensante poi lo troviamo anche in altri prodotti da forno che si possono trovare in commercio, così come in bevande, minestre, sughi pronti e molto altro ancora.

glucomannano

Controindicazioni

Il glucomannano si può sempre usare in tutta sicurezza e con tranquillità o dobbiamo conoscere quali sono le controindicazioni e gli effetti collaterali che potrebbero causare più danni che benefici alla salute? Dovete sapere che non tutte le persone possono assumere il glucomannano in ogni sua forma, per questo è sempre bene chiedere consiglio al medico o al farmacista che conoscono bene le nostre condizioni di salute e possono aiutarci a compiere scelte consapevoli per il nostro benessere.

Dovete infatti sapere che questa fibra può essere la causa di una riduzione dell’assorbimento di alcuni farmaci, che potrebbero però essere preziosi per la cura di patologie acute o croniche. Quindi è sempre bene andarci con i piedi di piombo, limitando magari l’assunzione o assumendo la sostanza in momenti diversi rispetto all’assunzione dei farmaci. E bisogna bere molta acqua, altrimenti il rimedio non funziona, anzi, può avere reazioni non previste sul funzionamento del nostro organismo e di alcuni organi interni.

Ovviamente l’uso di glucomannano non è consigliato ed è assolutamente controindicato in caso di ipersensibilità al principio attivo e se si soffre di ostruzione intestinale o malattie dell’esofago. Attenzione all’uso del rimedio in gravidanza o durante il periodo dell’allattamento al seno: andrebbe evitato o, se necessario, l’utilizzo andrebbe seguito costantemente dal medico.

Effetti collaterali

Tra gli effetti collaterali e indesiderati, citiamo quelli che sono collegabili a un’assunzione errata: di solito i paziente, quando assumono dosi eccessive di glucomannano, lamentano diarrea e senso di pesantezza e gonfiore a carico dello stomaco, ma anche meteorismo. Un altro effetto collaterale può essere collegato al malassorbimento di vitamine liposolubili preziose per il buon funzionamento dell’organismo. Altre reazioni avverse possono riguardare anche distensione addominale e crampi, mentre più raramente notiamo ostruzione a carico dell’intestino o dell’esofago.

Seguite sempre le indicazioni riportate per l’assunzione di ogni tipologia di integratore, così da evitare o ridurre il rischio di incappare in problemi lievi o gravi legati a una mancata osservanza di quanto consigliato o indicato. Meglio fare qualche domanda in più al medico o al farmacista di fiducia, che dover poi fare i conti con disturbi che possono provocare fastidi anche molto importanti.

Qual è il momento migliore della giornata per bere il caffè?

Perché fare sport al mattino può aiutarti in modi che non sospettavi

Bruciare 200 calorie in 3 minuti: 10 esercizi da fare ovunque

Coaguli mestruali: cosa sono i grumi, sono normali?

Contraccezione d'emergenza, cosa bisogna sapere veramente?

Mestruazioni e invecchiamento: come cambia il ciclo età per età

Combattere il mal di testa a tavola: i trucchi per prevenirlo mangiando bene